Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduni precampionato, a Sportilia è la volta della CAN 5

Lorenzo De Robertis - 01/09/2018, 21:29

E’ iniziato a Sportilia, centro tecnico delle montagne forlivesi, il raduno precampionato della CAN 5. Questa sessione, riservata agli arbitri che sono ai primi anni della loro esperienza alla CAN 5 , proseguirà fino a lunedì prossimo.
In apertura di raduno il Responsabile Angelo Montesardi ha dato il benvenuto ai 45 arbitri neo immessi, complimentandosi per i risultati raggiunti ma al tempo stesso ammonendoli sulle difficoltà che da adesso in poi troveranno sulla loro strada. “Eravate i più bravi nella vostra regione, adesso siete inseriti in un organico importante e dovete trovare in voi la forza di continuare a crescere”.
Graditissimo il saluto ai ragazzi, sempre in apertura di raduno, del Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, accompagnato a Sportilia dal suo Vice per il Centro, Duccio Baglioni, e dal Coordinatore Marcello Marcato, che ha ringraziato Montesardi per l’opportunità di poter stare, anche se per pochissimi minuti, in mezzo agli arbitri.
Trentalange ha ricordato a quest’ultimi l’importanza del concetto del “qui ed ora” e li ha sollecitati sulla bellezza di saper essere capaci di vivere il momento. In chiusura del suo intervento ha sottolineato quanto negli ultimi anni il Settore Tecnico abbia imparato, a livello strutturale ed organizzativo, dalle procedure che la CAN 5 adotta oramai da tantissimi anni.
Nel corso del pomeriggio Montesardi, supportato dai Componenti Laura Scanu e Gianantonio Leonforte, dopo la presentazione della sua Commissione, ha condotto una accuratissima lezione impartendo le disposizioni generali circa l’organizzazione delle trasferte e gli ambiti regolamentari rilevanti. Una serie di video didattici hanno positivamente contribuito a stimolare la discussione, consentendo altresì di analizzare esempi concreti fornendo un valido supporto didattico agli arbitri.
Il concetto di “team arbitrale”, l’importanza di cercare sempre e comunque di “fare squadra” è stato puntualizzato dal Componente Francesco Peroni con una relazione sulle metodologie per raggiungere la migliore comunicazione fra i colleghi che scendono in campo.
In serata, dopo gli allenamenti condotti dallo staff dei preparatori atletici, con il supporto del gruppo dei fisioterapisti, sono stati attivati i gruppi di studio i cui risultati saranno analizzati nei prossimi giorni. Dopo cena, e fino a tarda sera, ancora aula con momenti di confronto e colloqui per ambiti regionali.

Nella foto di copertina Angelo Montesardi. Nelle altre alcuni momenti della consegna del materiale tecnico, la fotografia di rito, la visita medica, alcuni Componenti della Commissione, Alfredo Trentalange durante il suo intervento, una veduta della sala ed infine un momento degli allenamenti serali

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente