Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Sportilia è iniziato ufficialmente il raduno precampionato della CAN B

Chiara Perona - 01/08/2018, 22:00

Questo pomeriggio a Sportilia si è ufficialmente aperto il raduno della CAN B. Gli arbitri giungevano già da due giornate di proficuo lavoro congiunto insieme all’organico della CAN A, momenti di condivisione voluti per uniformare approccio e metodologia in vista dell’inizio dei campionati, in cui i direttori di gara della serie cadetta opereranno come VAR ed AVAR, oltre che come quarti ufficiali, nella categoria superiore.
Nei giorni scorsi sono già stati approfonditi i diversi aspetti della Regola 12 “Falli e scorrettezze” in relazione all’utilizzo del VAR, ed è stata spiegata la Circolare n. 1, le innovazioni annuali al giuoco del calcio, da parte di Enzo Meli, Responsabile del Modulo perfezionamento e valutazione tecnica del Settore Tecnico.
Quest’oggi, invece, il Responsabile della Commissione Mimì Morganti ed i suoi componenti Christian Brighi e Riccardo Di Fiore hanno dato il via al primo appuntamento della nuova Stagione Sportiva. Un caloroso ringraziamento è stato rivolto a Cristiano Copelli, che dopo quattro anni, ha terminato il suo percorso come componente della Commissione.
Alla presenza di una rappresentanza di direttori di gara della Federazione libica, che parteciperanno al raduno potendo profittare del sapere dell’Associazione Italiana Arbitri per specializzarsi e formarsi, l’organico si è così presentato in aula alle 15.30 per l’inizio ufficiale dei lavori.
Dopo un pensiero rivolto all’indimenticato Stefano Farina, già Responsabile della CAN B, ed al quale è stata recentemente intitolata la sala conferenze di Sportilia, il primo sprone è andato ai neoimmessi in organico: “Dobbiamo essere completi e competenti” ha esordito Morganti “Vivete l’approdo in questa Commissione come un campo base: sarà un punto di passaggio e, anche, il raggiungimento di una vetta. Mettersi in gioco senza timore, sempre rimanendo nel solco tracciato, porta alla crescita come singoli e del gruppo intero”.
Si è poi passati alla visione di alcune clip video riferite a gare dirette nello scorso Campionato di Serie C dai giovani provenienti dalla CAN PRO, al fine di uniformare il modo di pensare e di vivere il match, in una realtà in cui la comunicazione all’interno del team arbitrale rappresenta un imperativo ed un valore aggiunto.
Confronto e dialogo hanno caratterizzato la sessione tecnica, prima dell’esecuzione – in serata – dei test atletici sul campo, sia per gli arbitri sia per il gruppo assistenti.
I preparatori guidati da Marco Lucarelli hanno constatato un livello di preparazione pienamente soddisfacente, indice della grande serietà con cui la squadra CAN B sta preparando la nuova Stagione Sportiva.
Oltre ad un incontro specifico riservato ai primi anni, c’è stato spazio, nel corso della giornata, anche per alcuni momenti di formazione individuale e di simulazione nell’utilizzo della tecnologia VAR, al fine di innalzare ulteriormente il livello di affidabilità e competenza della squadra CANB, in particolar modo dei più giovani, in vista dei futuri impieghi nella massima serie.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente