Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Il Quinto corso di qualificazione porta 60 nuovi assistenti

Giuseppe Chioccola - 21/07/2018, 19:30

CRA Campania
Voglia di ricominciare e ossessione per l'obiettivo. Questo il mix perfetto che ha aperto le porte al primo appuntamento ufficiale della stagione sportiva 2018-2019 targata CRA Campania. Da queste basi, la sfida del Comitato Regionale di rimpinguare l'organico degli assistenti arbitrali, scegliendo e selezionando valide leve capaci di sostenere la tensione, affiancare cioè ai direttori di gara di turno dei "fidati scudieri" per affrontare al meglio l'incarico sportivo giusta causa chiamato a svolgere.
Quest' anno il sogno delle future "bandierine" verso le categorie nazionali parte da quel rettangolo verde a pochi passi dalla terra di Giordano Bruno, la location del campo comunale di Casamarciano. Proprio qui nella giornata di sabato 21 luglio si è tenuto il Quinto Corso Arbitri con funzione di Assistenti Arbitrali.
Novanta. Questo è il numero di domande pervenute al massimo Organo Regionale, coordinato dal riconfermato Presidente Virginio Quartuccio. Novanta aspiranti per soli 60 posti disponibili. Novanta domande per altrettante speranze. Ragazzi che nella Stagione Sportiva da poco terminata, vuoi per motivate ragioni tecniche, vuoi per limiti d'età hanno visto infranta la scalata alle categorie che contano e che hanno deciso di alimentare la fiammella delle loro aspettative arbitrali, inquadrandosi in un altro ruolo pur di perseverare verso quella chimera tanto sognata già dalla prima divisa indossata.
Ma veniamo al dunque.
Mattinata intensa per le neofite future "bandierine" agli ordini dei componenti e dei referenti regionali: sveglia di buon mattino e raduno fissato alle ore 8:30.
Dopo le prime disposizioni comportamentali sul terreno di gioco, che i ragazzi hanno ascoltato con minuziosa serietà e attenzione, ha fatto seguito il riscaldamento e le prove atletiche specifiche (Agility Test e 5x30 mt) previste per testare il loro grado di preparazione fisico.
Successivamente, dai Componenti Marco Citro, Giuliana Guarino e Rosario Angrisani, sono state effettuate dimostrazioni pratiche, con la cristallizzazione della postura ideale da mantenere, il tempo e la efficace manualità delle segnalazioni, rappresentando situazioni che i ragazzi affronteranno nel corso della Stagione Sportiva, alla quale dovranno certamente approcciare con sacrificio, responsabilità e dedizione, così come fatto capire loro dai responsabili regionali.
Oltre al caldo e al duro lavoro atletico, che ha portato a sudare le consuete sette camicie, per le nuove leve la giornata è continuata nel pomeriggio, con lo spostamento in terra bruniana presso la Sezione di Nola. Qui, primo colloquio tecnico-valutativo, breve pasto condito da momento di relax dalle fatiche mattutine e veloce ripasso del regolamento.
Dunque le "bandierine" sono state sottoposte ai consueti quiz tecnici: 30 domande sul regolamento del gioco del calcio per capire lo stato di preparazione dei ragazzi decisi a cimentarsi in questa nuova avventura arbitrale.
Prima del consueto rompete le righe, i componenti CRA si sono infine complimentati con tutti i neo immessi in ruolo, invitandoli ad essere pronti e ben allenati per il raduno di inizio campionato. Un plauso maggiore, invece, a non mollare è andato ai colleghi che non hanno superato il corso esortandoli a riprovarci il prossimo anno.
Passione, grinta, mentalità e perseveranza. Tutto sempre per l' obiettivo massimo mai nascosto. Può volerci del tempo.....alla fine i "sogni", anche quelli arbitrali, fanno giri immensi ma poi ritornano!

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente