Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Sesta edizione di “Io Tifo x l’arbitro”… e per le donne

Francesco Leone - 21/07/2018, 18:30

Sezione di Catanzaro
Domenica 8 luglio si è disputata, a Catanzaro, la Sesta edizione del Torneo di solidarietà di calcio, organizzato dalla Sezione arbitri “Antonio Gualtieri” di Catanzaro”, “Io Tifo x l’arbitro”.
Il titolo del manifesto con cui è stato promosso e divulgato l’evento era “Donne e Calcio: Guai a chi le tocca”; l’intenzione degli organizzatori era nobile e di notevole valore sociale: sensibilizzare i partecipanti ad un argomento, che, purtroppo, è di stretta attualità quotidiana: la violenza sulle donne.
I fondi raccolti, infatti, sono stati devoluti al Centro Antiviolenza sulle donne “Mondo Rosa”, un’associazione di volontariato che opera con lo scopo di assicurare accoglienza e protezione bisognose vittime di violenza ed ai loro figli.
Alla manifestazione hanno preso parte ben otto delle undici consorelle sezioni calabresi ed ha registrato la presenza, per la prima volta nella storia del torneo, di una Sezione non calabrese: la forte compagine della Sezione di Nola, la quale, lo scorso maggio, aveva vinto il torneo del Saraceno organizzato dalla Sezione di Messina.
Le gare della competizione, articolata in tre gironi all’italiana, si sono svolte alla presenza, tra gli altri, del Componente del Comitato Nazionale dell’AIA, Stefano Archinà, del Presidente del CRA Calabria – Francesco Longo - e dei Componenti del CRA Calabria, Massimo Frangipane e Giuseppe Mandaradoni.
Erano, altresì, presenti la maggior parte dei Presidenti di Sezione, alcuni dei quali hanno attivamente preso parte alla manifestazione, giocando con grande grinta ed impegno.
Nonostante la temperatura elevata, tutte le squadre scese in campo hanno dato vita a partite vivaci e molto gradevoli dal punto di vista tecnico e spettacolare.
La rappresentativa di Catanzaro, dopo essersi classificata prima nel suo girone, ha superato, in semifinale, al termine di una partita sempre in equilibrio, la consorella Sezione di Lamezia Terme. Il derby dei due mari è stato deciso solo dopo l’esecuzione dei tiri di rigore.
L’altra semifinale ha visto in campo le Sezione di Rossano e quella Reggio Calabria. Al termine di una partita molto tirata, ha prevalso la Sezione di Reggio Calabria.
La Sezione di Lamezia Terme si è aggiudicata il terzo posto, ai danni della Sezione di Rossano.
La direzione della finale, in perfetta linea con il tema della manifestazione, è stata ben diretta da una terna di donne, con arbitro Martina Molinaro, della Sezione di Lamezia e neo promossa in Serie D, assistita da Alessia Mammoliti della Sezione di Rossano e Rebecca Longo della Sezione di Catanzaro.
Il torneo è stato vinto, al termine di una gara molto equilibrata e di notevole spessore tecnico, dopo un’emozionante sequenza di tiri di rigore (i due tempi di giuoco si erano conclusi in perfetta parità) dalla Sezione di Catanzaro la quale ha superato l’ottima rappresentativa di Reggio Calabria.
Al termine della manifestazione, il Componente del Comitato Nazionale dell’AIA, Stefano Archinà, il Presidente del CRA Calabria, Francesco Longo, ed il Presidente della Sezione ospitante, Francesco Falvo, hanno firmato il simbolico assegno, il cui importo rappresenta il ricavato della raccolta fondi, frutto della generosità di tutti i partecipanti, ponendo l’ideale suggello ad una bellissima giornata di sport e solidarietà.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente