Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Il Vicepresidente Pisacreta al Raduno “Top Class” della CAN 5 di Riccione

Lorenzo De Robertis - 24/04/2018, 21:26

Al raduno “Top Class” della CAN 5, in corso a Riccione, è stato oggi ospite d’eccezione il Vicepresidente dell’Associazione Italiana Arbitri, Narciso Pisacreta, che non ha voluto far mancare il proprio saluto, quello del Presidente Marcello Nicchi e dell’intero Comitato Nazionale, agli arbitri in aula, che in questi tre giorni di permanenza in riva all’Adriatico si stanno preparando per la fase finale dei campionati.
Pisacreta nel suo intervento ha ringraziato la Commissione e i fischietti presenti per l’impegno che dimostrano nel coltivare la loro passione. «Voi avete qualche cosa in più rispetto agli altri arbitri, avete scelto di continuare ad essere arbitri e avete scelto di farlo in maniera seria e dimostrando tanta passione. Quando l’Associazione vi ha chiamato, voi vi siete sempre fatti trovare pronti».
Pisacreta ha sottolineato la capacità di questa Commissione e dei suoi arbitri di riuscire sempre «a fare squadra». E questa forza, questa capacità, per Pisacreta rappresenta una delle grandi forze dei giovani associati: «Chi decide, non sarà mai amato. Rispettato, ma non amato». Di contrappeso il Vicepresidente ha ricordato agli arbitri che la forza dovrà continuare ad essere «la capacità tecnica e la esemplare condotta morale e comportamentale che ci viene universalmente riconosciuta».
Nel corso della mattinata gli arbitri “Top Class” della CAN 5, sotto l’attenta guida dei preparatori, hanno sostenuto i test atletici i cui risultati sono stati commentati positivamente al Responsabile della Commissione. Montesardi ha infatti espresso la sua viva soddisfazione per il livello di allenamento che i ragazzi hanno saputo mantenere e per la freschezza atletica complessiva che hanno messo in mostra in questa importantissima fase dei campionati. Dopo aver sostenuto i test tecnici, coordinati da Francesca Muccardo del Settore Tecnico dell’AIA, i lavori sono proseguiti nel pomeriggio con l’intervento del Responsabile Angelo Montesardi.
Nell’interessantissima sessione di match analysis sono stati affrontati e dibattuti numerosi casi pratici, partendo da casistiche verificatesi nei recenti campionati europei di futsal tenutisi in Slovenia. Particolare attenzione è stata posta alle situazioni che interessano i falli di trattenuta, le simulazioni, la corretta gestione delle “mass confrontation” e delle proteste di massa. Per Montesardi un elemento fondamentale per la parte finale dei campionati è che gli arbitri preparino al meglio la gara cercando di comprendere sempre il contesto con cui saranno chiamati a confrontarsi. In conclusione del suo intervento il Responsabile Angelo Montesardi ha esortato gli arbitri ad «avere il coraggio di decidere, il coraggio di applicare, in tutte le occasioni, il Regolamento».
Nella serata, a cura del Settore Tecnico e dei Componenti Gianantonio Leonforte ed Ettore Quarti, sono state approfondite le tematiche relative alle modalità di determinazione delle squadre vincenti nelle fasi dei playoff e playout, nonché della corretta esecuzione delle procedure dei tiri liberi e dei tiri di rigore.

Nella foto di copertina il Vicepresidente Pisacreta durante un momento del suo intervento.
In gallery alcuni momenti dei test atletici, alcuni Componenti CAN 5, i fisioterapisti al lavoro, gli arbitri internazionali Perona e Malfer durante la loro batteria di test, il Vicepresidente Pisacreta con il Responsabile Montesardi.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente