Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Coverciano il raduno Mentor & Talent con 108 arbitri di tutt'Italia

Federico Marchi - 18/11/2017, 23:00

Ha preso il via, presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano, l’annuale raduno Talent & Mentor del Settore Tecnico. Un appuntamento ormai tradizionale, che ha visto riuniti 108 giovani arbitri provenienti da tutt’Italia e 28 Mentor in rappresentanza dei vari CRA e CPA. Ad aprire la prima riunione sono stati il Vicepresidente dell’Associazione Italiana Arbitri Narciso Pisacreta ed il Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange.
“Siete il miglior prodotto del nostro vivaio – ha detto Pisacreta – Queste due giornate le ricorderete per sempre, perché venire a Coverciano è sempre un'emozione particolare. Questo è il tempio della Federazione ma è anche la casa degli arbitri. Per arrivare in Serie A non c’è un concorso, ma è il risultato di un processo che si basa solo sui meriti. Gli ingredienti per fare l’arbitro sono: passione, impegno, capacità e predisposizione, e formazione. Essendo arbitri siete diversi dai vostri coetanei perché avete la forza e l’abitudine di decidere”.
“Avere davanti tutti questi giovani ragazzi, provenienti da ogni regione italiana, è sempre una grande emozione" ha commentato Trentalange. Presenti anche un arbitro ed un osservatore giunti appositamente da Malta. "Non è il primo anno che abbiamo come ospiti colleghi della Federazione di Malta - ha specificato il Responsabile del Settore Tecnico - Questo è per noi un grande piacere e fornisce anche un tocco di internazionalità al raduno”.
Durante il pomeriggio i Talent ed i Mentor hanno affrontato i video test che in seguito sono stati analizzati a scopo didattico sotto i vari aspetti, compreso quello tattico e la collaborazione tra l'arbitro e gli assistenti. A condurre la discussione in aula sono stati il Responsabile del Modulo Perfezionamento e Valutazione Enzo Meli ed i Viceresposabili del Settore Tecnico Luca Gaggero (Nord) e Duccio Baglioni (Centro).
Di alto livello tecnico è stata la lezione condotta da Francesco Bianchi, Supervisor UEFA della Convention Mentor & Talent, che attraverso il supporto di alcuni filmati ha coinvolto i presenti in un approfondito esame di numerosi episodi di giuoco. Con l’analisi dei video sono state affrontate casistiche riguardanti situazioni tecniche e disciplinari, con un focus speciale sul fuorigioco e sui falli di mano.
Nel pomeriggio non è mancata una parte atletica, con il Viceresponsabile (Sud) Francesco Milardi e lo staff dei preparatori (Gilberto Rocchetti, Vincenzo Gualtieri ed Andrea Zoppi) che hanno condotto presso la palestra di Coverciano un allenamento collettivo, con il FIFA 11+ ed esercizi di riscaldamento idonei ad evitare gli infortuni.
A chiudere il programma della prima giornata, predisposto dal Coordinatore Marcello Marcato, è stata l'esposizione in prima persona da parte dei giovani arbitri di alcune situazioni di giuoco, portate all'attenzione dei colleghi attraverso la proiezione di una serie di filmati tecnici inerenti partite disputate nelle proprie regioni di provenienza.
In mattinata i Talent avevano anche visitato il Museo del Calcio di Coverciano, con il direttore Fino Fini che aveva illustrato i cimeli contenuti nelle numerose sale raccontando aneddoti e curiosità.

Nella fotografia principale Alfredo Trentalange, Narciso Pisacreta e Francesco Bianchi.
Nelle altre foto l'apertura del raduno, gli arbitri in aula, l'intervento del Vicepresidente Pisacreta, l'analisi dei filmati, la lezione di Bianchi, gli esercizi in palestra e il gruppo dei partecipanti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente