Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Gli osservatori avvicendano gli arbitri al raduno della CAN 5

Lorenzo De Robertis - 06/09/2017, 20:03

Si conclude a Sportilia il raduno degli arbitri del secondo gruppo ed arrivano gli osservatori.
Nel corso della mattinata i primi hanno esposto le risultanze finali e le conclusioni dei vari gruppi di lavoro nei quali avevano lavorato nei giorni scorsi. Diverse e complesse le situazioni regolamentari nelle quali i ragazzi erano stati chiamati a confrontarsi. A chiusura di questa importantissima fase dei lavori il Responsabile della Commissione Angelo Montesardi ha espresso la sua personale soddisfazione sia per la qualità delle tesi esposte, sia per la capacità messa in evidenza dei ragazzi di lavorare in squadra.
Bellissimo il momento vissuto a fine a mattinata quando ha preso la parola il Componente Marcello Toscano per tenere la sua relazione. Toscano, Componente della Commissione CAN 5 oramai da sei anni, ha ripercorso il suo viaggio all’interno di questa Commissione e ha ringraziato per la possibilità che gli è stata concessa di vivere delle bellissime esperienze. I ragazzi hanno, da parte loro, ringraziato Marcello Toscano nel modo migliore che si potesse pretendere: un applauso scrosciante ha rotto infatti la consueta quiete di Sportilia.
Messa da parte l’emozione, la relazione si è incentrata sulle corrette metodologie di lettura della gara con particolare attenzione al fatto che un buon arbitro deve porre massima attenzione sulle modalità di interpretazione del livello dei falli, affinché non rischi di “incattivire” la gara. Gli arbitri della CAN 5 debbono avere la capacità di gestire al meglio i vari momenti della gara e prendere le decisioni corrette nel momento topico della gara.
La Componente Laura Scanu si è invece soffermata sull’esigenza di fornire sempre “prestazioni di qualità”. La qualità di una prestazione arbitrale – ha sottolineato la Scanu - differenzia in maniera netta da una prestazione adeguata. Gli arbitri devono lavorare per accrescere le capacità di lettura del contesto in cui le situazioni si verificano. Nel concludere il suo intervento, Laura Scanu ha ricordato a tutti la necessità di saper lavorare in team e di fornire sempre supporto alle decisioni assunte dai colleghi della squadra arbitrale.
Nel primo pomeriggio, prima di congedare gli arbitri, si è tenuta una breve riunione congiunta con gli osservatori, nella quale il Responsabile Montesardi ha tracciato le linee guida del programma di lavoro della Commissione. Molto gradito dalla platea l’intervento del Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange che, presente a Sportilia per un impegno del Settore tecnico, non ha voluto mancare di portare parole di apprezzamento per il lavoro della Commissione e parole di meraviglia e piacere sull’intero movimento del Calcio a 5.
Il lavoro dedicato agli osservatori è entrato poi nel vivo con le relazioni dei Componenti Racano e Scanu, che hanno incentrato i loro interventi sugli argomenti relativi alla corretta stesura della relazione arbitrale e sulla congruità e corrispondenza di quanto osservato.
Breve sosta nell’anfiteatro di Sportilia per la foto di gruppo e poi di nuovo in aula dove gli osservatori hanno potuto assistere ad una gara dello scorso campionato di Serie A, per poi redigere una simulazione di referto.
Massimo Cumbo, già Responsabile della CAN 5 ed attualmente Responsabile del Servizio Ispettivo Nazionale, dimostrando ancora una volta quanto il suo cuore batta forte per questo organico, in video collegamento da Gerusalemme ha voluto dare uno speciale in bocca al lupo a tutti per la prossima stagione.
Prima dell’effettuazione dei test tecnici, Francesca Muccardo, Coordinatrice per il Calcio a 5 del Settore Tecnico AIA, con chiarezza e dovizia di particolari ha proceduto ad esporre le linee guida interpretative del Regolamento del Calcio a 5.
In serata la Commissione, dopo aver incontrato gli osservatori al loro primo anno per una serie di disposizioni pratico organizzative, ha svolto una serie di colloqui per ambiti regionali.

Nella foto di copertina il gruppo degli osservatori; in gallery la Commissione con gli arbitri internazionali, la platea degli osservatori, Marcello Toscano durante il suo intervento, il Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, Massimo Cumbo in video collegamento.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente