Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno CAN 5, test atletici e focus sulla regola “Falli e scorrettezze”

Lorenzo De Robertis - 05/09/2017, 22:02

Inizia di buon mattino la giornata di lavoro al raduno CAN 5 riservato agli arbitri del secondo gruppo. Nel campo principale del centro tecnico di Sportilia, sotto l’attenta guida dei preparatori atletici e con l’assistenza di tutto lo staff dei fisioterapisti, i ragazzi hanno sostenuto i prescritti test atletici. Al rientro in aula, prima di proseguire il lavoro di analisi dei filmati con situazioni di gioco particolarmente interessanti, il Responsabile della Commissione Angelo Montesardi, ha espresso ai ragazzi la sua complessiva soddisfazione per i risultati dei test.
Nel pomeriggio, dopo una breve sessione di lavoro atletico defaticante sul terreno di gioco, gli arbitri sono rientrati in aula per una nuova sessione di lavoro di analisi e commento di filmati di gioco. Chiare ed esaustive sono state le disposizioni tecniche impartite da Montesardi che si è soffermato ampiamente sulle situazioni relative ai falli commessi con la parte alta del corpo o con le braccia, ai concetti relativi alla corretta concessione del vantaggio, alla uniforme rilevazione della punibilità o meno delle trattenute, sulla corretta lettura della gara ed infine degli episodi di simulazione.
Prima dell’effettuazione dei test tecnici, Francesca Muccardo, Coordinatrice per il Calcio a 5 del Settore Tecnico AIA, ha proceduto ad esporre le linee guida interpretative del Regolamento del Calcio a 5.
Il Componente Gianantonio Leonforte ha poi tenuto una interessante lezione circa le corrette procedure da tenere in tutte quelle fasi organizzative che seguono la designazione e precedono la gara, spingendo i ragazzi ad essere sempre attenti e a curare le piccole cose. Francesco Peroni, uno dei due Componenti neo immessi in Commissione, ha condotto poi una preziosa disamina sulle procedure che i ragazzi debbono mettere in atto per ottimizzare la prestazione arbitrale per migliorare i livelli di concentrazione, imparare ad allenare la mente e gestire lo stress.
Dopo cena proseguiranno, fino a tarda sera, il lavoro di confronto a livello di raggruppamenti regionali ed il lavoro dei gruppi di lavoro.

Nella foto di copertina gli arbitri in aula durante le disposizioni tecniche, nelle altre foto: la Commissione CAN 5; il Responsabile Angelo Montesardi; alcuni momenti dei test atletici; gli arbitri internazionali Malfer e Galante; i Componenti Gianantonio Leonforte e Francesco Peroni

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente