Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

CAN PRO, Giannoccaro: "Da domani ognuno deve dare il massimo"

Giorgio Ermanno Minafra - 26/08/2017, 20:30

Terzo ed ultimo giorno di lavori per gli arbitri e gli osservatori della CAN PRO a Tivoli Terme. Primissima mattinata suddivisa per i due organici con gli arbitri impegnati in una seduta atletica di allenamento presso l’impianto di Villanova con il preparatore atletico Gilberto Rocchetti, propedeutica per prepararsi al meglio alle gare della prima giornata di campionato del weekend; contemporaneamente il gruppo osservatori in aula lavorava in prima istanza con i test regolamentari, coordinati dal componente del Settore Tecnico Maurizio Pozzoli. A seguire riunione curata dal Componente Paolo Calcagno sulle modalità tecniche e comportamentali da adottare nella nuova stagione sportiva. Gli input della Commissione per la valutazione della terna sono stati resi noti mediante un confronto aperto e trasparente, ribadendo l’importanza del ruolo dell’osservatore non solo per la selezione ma anche per la crescita tecnica degli arbitri e degli assistenti. E' stata descritta la modalità di trasmissione dei filmati mediante la piattaforma WyScout, affinché venga posto un focus maggiore agli episodi poco chiari e di maggior rilievo. “Riportate con coerenza le positività e le manchevolezze della prestazione arbitrale e valutatele con attenzione, a questi livelli i particolari fanno la differenza”, il monito del Responsabile Giannoccaro al termine dell’incontro per il solo organico degli osservatori. La mattinata è proseguita con i lavori congiunti e l'analisi degli episodi della Coppa Italia, iniziata il giorno precedente. La crescita rilevante del gruppo dei primi anni è stato più volte evidenziato e posto al centro del dialogo fra le componenti, con un’esposizione semplice e diretta dei ragazzi protagonisti dei filmati proiettati. “Siamo soddisfatti di come i primi anni, arbitri e osservatori, abbiano approcciato la metodologia tecnica del raduno, più volte chiamati in causa hanno dimostrato di reggere il dialogo con la Commissione e i colleghi più esperti. E' la conferma del valore di questo gruppo, compatto ma soprattutto disposto a continuare nel percorso di crescita. Abbiamo lavorato tanto per arrivare preparati al calcio d'inizio e da domani, ognuno nel proprio ruolo, deve dare il massimo”, le parole di chiusura di Giannoccaro, che, prima del "rompete le righe" ha portato il saluto del Presidente dell’Associazione Marcello Nicchi, del Responsabile del settore Tecnico Alfredo Trentalange e ha voluto ringraziare i componenti della segreteria, Enrico Ciuffa, Giuseppe Antonaglia e Marco Ravaglioli.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente