Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Il Presidente Nicchi al raduno CAN D: "Da qui usciranno i prossimi arbitri di Serie A"

25/08/2017, 20:30

Il raduno CAN D a Sportilia si chiude con le visite istituzionali del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi e del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia. Con lui a rappresentare la Lega c’erano anche il segretario Mauro De Angelis ed il coordinatore Luigi Barbiero.
Il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi ha subito sottolineato come il mondo dilettantistico, da cui passano moltissimi talenti, rappresenti il cuore dell’attività calcistica nazionale per quanto riguarda i calciatori ma non solo: “I prossimi arbitri della Serie A usciranno da qui. Sono orgoglioso dell’Associazione che rappresento soprattutto quando vedo davanti a me questi arbitri, questi ragazzi dalle facce pulite. Dentro l’Associazione un ragazzo cresce, diventa uomo e acquisisce una maturità che nessun’altra esperienza può dare. Questo grazie soprattutto alle persone che, una volta finita la loro carriera arbitrale, restano dentro alla nostra Associazione per calarsi nel ruolo di formatori con una passione, un entusiasmo e delle competenze uniche.”
Il Presidente ha inoltre sottolineato come AIA e LND stiano lavorando con unità d’intenti per condannare e ridurre gli episodi di violenza sugli arbitri. Questo grazie alla collaborazione e all’impegno profuso dalla Lega e, in prima persona, dal suo Presidente Cosimo Sibilia. Una sinergia che Sibilia ha raccontato essere frutto di un rapporto con il mondo arbitrale basato su una profonda ammirazione: “Ho avuto modo di conoscere Marcello Nicchi e Matteo Trefoloni molto tempo fa sui campi di giuoco. Ho sempre provato stima per la figura e il lavoro degli arbitri. Gli arbitri li riconosci subito, si distinguono in positivo per ordine e precisione. Non nego che mi sarebbe piaciuto che mio figlio scegliesse di fare l’arbitro. Mi ha reso orgoglioso poter consegnare al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione dell’ultima finale di Coppa Italia la divisa degli arbitri e la squadra arbitrale potrà sempre trovare in questa Lega pieno supporto”.
Il Responsabile CAN D Matteo Trefoloni ha fatto gli onori di casa presentando la sua Commissione e il gruppo degli arbitri: “Una Commissione di assoluta qualità alla guida di una vera e propria squadra”. Trefoloni ha ribadito come di fatto gli arbitri rappresentino a tutti gli effetti una squadra pronta e preparata per cominciare la Stagione al pari delle altre 166 del Campionato di Serie D. La parola è quindi passata al coordinatore LND Luigi Barbiero che ha presentato alcune delle novità apportate nel mondo dilettantistico quali l’introduzione delle cinque sostituzioni e delle maglie con numerazione personalizzata. Barbiero ha poi ribadito l’importanza dei comportamenti da cui la figura dell’arbitro non può prescindere.
A conclusione degli interventi il Presidente Nicchi ed il Responsabile Trefoloni hanno consegnato al Presidente LND Sibilia una divisa firmata da tutti i 180 arbitri dell’organico CAN D (vedi foto principale) ringraziando lui e gli altri ospiti per la visita tanto preziosa quanto ricca di contenuti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente