Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Alberto Zaroli alla cena di fine Stagione Sportiva

Stefano Aquilano - 29/06/2017, 08:00

Sezione di La Spezia
Venerdì 23 giugno, presso il ristorante “DISMA”, a Marinella di Sarzana, si è svolta la consueta cena di fine stagione della sezione della Spezia. La serata è stata propizia al Presidente Loris Pedroni per il ringraziamento, oltre che ai componenti del Consiglio Direttivo ed ai Revisori Sezionali, a tutti gli associati, che nel corso di questa lunga Stagione Sportiva si sono con profitto avvicendati nei vari ruoli, fuori e dentro il campo di giuoco. Un particolare saluto è stato inviato all’amico e collega Stefano Farina, che ha intrapreso un diverso cammino.
Alla presenza del componente del Comitato Nazionale Alberto Zaroli, del Presidente del Comitato Regionale Arbitri della Liguria Fabio Vicinanza, del suo vice Roberto Gandini, dei Presidenti delle Sezioni liguri e del maestro Villela, si è anche proceduto alla premiazione dei colleghi spezzini che maggiormente si sono distinti, a vario titolo, nella passata Stagione Sportiva.
All’osservatore Maurizio Bello è andato il Premio “TOTI” per le capacità espresse in campo regionale e per l’impegno continuo e costante profuso in ambito sezionale; all’assistente Benedetto Torraca è stato consegnato il Premio “Villela”, per le qualità dimostrate fuori e dentro il terreno di gioco. Al giovanissimo Luca Ugolini è stato conferito il Premio “BUILA” per il miglior giovane arbitro emergente a livello sezionale.
Un doveroso plauso, il Presidente Pedroni, lo ha rivolto agli undici arbitri che hanno diretto con gioia e grande professionalità, tutte le gare dello “Special Olimpics Games”. Un grazie immenso era più che doveroso.
A questo punto della serata, il testimone è passato agli illustri ospiti, Zaroli e Vicinanza per le considerazioni personali ed associative della Stagione che va rapidamente a compimento.
Alberto interloquiva con i presenti coniugando la figura di un arbitro e dei suoi migliori comportamenti ad una vera e propria scuola di vita. Inoltre “omaggiava” il Presidente ed i suoi vice, con un presente.
Fabio evidenziava doti e meriti di tutti soffermandosi su preziosi consigli per meglio figurare già dalla prossima Stagione. La serata proseguiva quindi all’insegna dell’allegria, allietata dalle numerose e gustose portate di pesce, consumate a poche decine di metri dal mare. Un ulteriore valore aggiunto.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente