Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Siamo veramente una grande famiglia

Laura Cordani - 12/06/2017, 09:42

Sezione di Piacenza
Lunedì 29 maggio si è svolta la festa di fine stagione della sezione di Piacenza tra diversi ospiti illustri dello scenario provinciale, regionale e nazionale. A inaugurare la serata il presidente Domenico Gresia insieme a Giampiero Gregori, i quali hanno ben accompagnato la piacevole e conviviale cena presso il Ristorante Olympia di Niviano. Dapprima il saluto agli ospiti esterni tra cui l'assessore comunale allo sport Giorgio Cisini, il delegato CONI di Piacenza Robert Gionelli e il Presidente provinciale Figc Luigi Peló. Dopodiché tutti gli associati si sono uniti al ricordo di due uomini e colleghi davvero importanti per quanto rappresentavano rispettivamente nell'AIA e nella nostra sezione, Stefano Farina, responsabile Can B scomparso da pochi giorni e Giuseppe Cassi, storico segretario della sezione venuto a mancare lo scorso febbraio.
Come di consueto, nel corso della cena sono stati distribuiti i vari premi sezionali: miglior arbitro esordiente, del settore giovanile, della lega nazionale dilettanti e del calcio a 5; premiati anche i colleghi che si sono distinti maggiormente in qualità di osservatore, assistente e arbitro regionale. La storica premiazione in ricordo di Beppe Marenghi è stata consegnata a Gianfranco Solenghi, osservatore can D. Inoltre da quest'anno, il Consiglio Sezionale ha stabilito un nuovo riconoscimento in memoria di Giuseppe Cassi ed è stato assegnato a Elena Boselli, l'infaticabile e preziosa collaboratrice nonché nuova segretaria sezionale.
La serata è stata scandita dagli interventi dei tanti invitati presenti a partire da Renato Faverani, l'immancabile ospite delle nostre cene di fine stagione "contento di ammirare come la nostra associazione sia luogo di ritrovo per diverse generazioni dai più giovani ai colleghi con i capelli bianchi. E sappiate che nel percorso arbitrale ognuno di voi troverà il suo Maracanà".
È stata la volta del Presidente regionale Sergio Zuccolini che ha rimarcato il grande e prezioso lavoro svolto a Piacenza ringraziando in modo speciale il Presidente Gresia perché "ci vuole un condottiero per guidare la sezione e per raggiungere i risultati ottenuti e che si stanno ottenendo anche a fine di questa stagione sportiva".
Un altro premio, il nostro Cavallo che rappresenta la città di Piacenza, è stato consegnato all'ospite della Can A Paolo Tagliavento, il quale ha voluto lanciare un messaggio per spronare i tanti giovani colleghi presenti a divertirsi e soprattutto a sacrificarsi per provare a realizzare il sogno di ogni arbitro.
A rappresentare l'AIA ben due componenti del Comitato Nazionale, Michele Conti appartenente alla nostra regione e per la prima volta ospite a Piacenza, ha ricevuto in dono la Targa dell'Ospitalità piacentina, piccolo presente che esprime il calore e l'accoglienza del nostro territorio. E il calabrese Stefano Archinà, il quale, dopo un discorso sull’impegno per raggiungere i traguardi e l'attaccamento per l'associazione, ha espresso con tutta la sua semplicità che "siamo veramente una grande famiglia: percorrere più di 1000 chilometri per incontrarsi e stare insieme. E da questa settimana è ancora più evidente, proprio come una famiglia sappiamo stringerci attorno ai colleghi e ai loro cari".
Un ringraziamento va a tutti gli ospiti presenti alla festa che hanno saputo trasmettere entusiasmo ed esperienza e all'ottima organizzazione da parte del Presidente e del suo Consiglio a termine di una stagione sportiva intensa, lunga e soddisfacente per tutti gli associati piacentini.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente