Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Nicchi interviene allo stage FIFA a Coverciano con Boban, Collina e Busacca

Alessandro Paone - 07/04/2017, 20:50

Il Presidente dell'AIA Marcello Nicchi è intervenuto oggi a Coverciano per la chiusura dello stage degli arbitri FIFA, preselezionati per il Mondiale di Russia 2018, insieme al vicesegretario generale della FIFA, Zvonimir Boban.
Nell'aula magna del Centro Tecnico Federale erano presenti sessantadue arbitri, di cui 9 VAR (Video Assistant Referees) e 9 istruttori provenienti dai cinque continenti.
Lo stage iniziato lunedì scorso è stato aperto dalle parole di Pierluigi Collina, Presidente della Commissione Arbitri FIFA e da Massimo Busacca, Head of Refereeing assieme al direttore generale della FIGC, Michele Uva.
Cinque giorni intensi con lezioni in aula e allenamenti per il seminario dedicato ai migliori arbitri internazionali.
Un lavoro di preparazione in vista della prossima competizione iridata, effettuando diversi test atletici e sperimentando il sistema VAR.
Nicchi nel suo intervento ha ribadito: "Coverciano è la casa degli arbitri e della Nazionale. Qui si ritrovano settimanalmente arbitri ed assistenti per preparare le gare. Spero vi siate trovati bene. Siete i migliori direttori di gara al Mondo e tra voi sono felice ci siamo due italiani - Gianluca Rocchi e Daniele Orsato.
Sono qui per farvi gli auguri per i prossimi impegni è un grosso in bocca al lupo per i Mondiali del 2018".
Zvonimir Boban ha voluto ringraziare la FIGC per aver coadiuvato la FIFA nell’organizzazione di questo evento.
Boban si è poi soffermato sul ruolo fondamentale che ricoprono gli arbitri: “La FIFA investe molto sui direttori di gara. Anche loro sono esseri umani, come tutti noi: hanno i loro problemi e la loro vita quotidiana, al di là del rettangolo di gioco. Bisogna quindi rispettarli ed è paradossale che siano l’unica categoria nel calcio da cui non si accetta un errore”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente