Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Niccolai "Prendere il treno giusto"

Gianluca D’Elia - 20/03/2017, 10:10

Sezione di Ozieri
Importante appuntamento per la sezione di Ozieri, che pochi giorni fa ha avuto l’onore e il piacere di ospitare l’attuale responsabile degli assistenti della CAN D, Giorgio Niccolai di Livorno. A fare gli onori di casa è stato il presidente Massimo Casula, che ha voluto sottolineare quanto siano importanti per questa piccola sezione incontri di questo calibro, momento di grande crescita associativa e tecnica. Breve saluto anche anche da parte del presidente regionale Francesco Cabboi che ha rimarcato, davanti a Giorgio e ai tanti associati giunti da tutta l’isola che hanno gremito l’aula, come l’intero movimento arbitrale sardo sia pronto a spostarsi ogni qual volta ci siano occasioni di crescita e condivisione, come in questo caso. Dopo il video di presentazione a prendere la parola è proprio Niccolai che, come prima cosa tiene a precisare che nessuno dei suoi innumerevoli traguardi raggiunti (175 partite in A come assistente,24 partite da internazionale, più diverse finali di coppa italia e supercoppa N.d.R.) sarebbero arrivati se alla base di tutto non ci fosse stato il divertimento e la passione. Caratteristiche che non prescindono dai fondamentali valori atletici e tecnici propri di un arbitro. “L’arbitraggio è un’esperienza di vita che va oltre i 90 minuti. Vado orgoglioso di fare le partite con lo spirito di divertimento. Bisogna dare il giusto valore alle cose della vita”. Altro spunto di riflessione è stata proprio la sezione, punto di partenza di ognuno di noi, una seconda casa, che ci permette il confronto con i più esperti per potersi migliorare di volta in volta. Giorgio con diversi video personali e motivazionali ha voluto coinvolgere la platea in quella che è stata una “chiacchierata fra amici” come ha voluto definirla. Domande e curiosità soprattutto da parte dei più giovani hanno dato luogo a diversi spunti di riflessione. Fra i più importanti è stato il ragionamento su come un associato debba fronteggiare i momenti più o meno fortunati, sapendo che alla fine tutto si bilancia ma : “dobbiamo farci trovare pronti e prendere il treno giusto” associando questa frase ad alcuni episodi che sono capitati durante la sua carriera. La serata si è conclusa con alcuni video di natura tecnica, con lo scopo di lanciare il messaggio che niente, durante la partita, dev’essere lasciato al caso e dato per scontato, tenendo sempre alto l’indice di concentrazione. Dopo la consegna di alcuni dolci tipici ozieresi e i saluti di rito, la serata si è conclusa in modo conviviale in agriturismo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente