Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Ambasciatrice del sorriso

20/03/2017, 11:59

Sezione di Enna
La Sezione AIA di Enna ha avuto l’onore di diventare ambasciatrice del sorriso, accettando con sommo piacere il Gogòl, ovvero un omino in polistirolo d’un giallo splendente, ormai conosciutissimo per le vie e piazze della città centro-sicula, alto una trentina di centimetri, figlio dell’intuizione dell’imprenditore Mauro Todaro e della sua attività, che ha già compiuto un anno e che ha riscosso numeroso successo, diventando chiaro simbolo di speranza e positività.
Gogòl è passato di mano in mano, tra artisti, imprenditori, artigiani, studiosi, personalità impegnate nel sociale o nel volontariato, ma anche e soprattutto singoli cittadini ennesi, che si sono fatti portatori di un messaggio tanto semplice quanto impegnativo da eseguire: suscitare emozioni e far fiorire tanti, numerosissimi sorrisi.
Gogòl si fa carico di portare fra la gente anche speranza nel futuro all’insegna dell’ottimismo, trasmettendo la forza di sorridere e guardare avanti, tornare a sognare e, attraverso una significativa dose di tenacia, creare una rete d’intesa tra la cittadinanza che, attivamente, permetterà il rilancio e conseguente riscatto del territorio ennese che gli ha dato vita e che è attualmente vessato da una crisi dilagante a livello economico tanto quanto a livello sociale. Questo omino giallo, invero, non si è limitato a farsi conoscere solo nel limite del territorio provinciale, ma si spande per un raggio d’azione nazionale, e per la soddisfazione del suo creatore, ha varcato i confini italiani, viaggiando per ogni dove, giungendo persino in Zambia, passando per la gelida Russia e per Madrid, giusto per riportare qualche esempio.
Ospite nei locali sezionali, Mauro Todaro, imprenditore ennese, è stato accompagnato da Padre Giuseppe Rugolo, parroco della Chiesa del Duomo di Enna, il quale ha abbracciato e condiviso il messaggio che il Gogòl porta con sé; pertanto lui e il “progetto 360”, che fa capo proprio alla parrocchia del Duomo di Enna, sono stati fra i primi a mettere in pratica questa filosofia di vita, coinvolgendo sempre più giovani, creando frizzanti e costruttive iniziative per il bene della città e della gioventù ennese.
Il desiderio di vederci testimonial e partecipanti, affinché si porti nei campi la professionalità e la gioia, nonché l’amore per lo sport cui ci si presta ad essere direttori di gara, ha spinto Todaro a donare al Presidente Giuseppe Di Gregorio ed agli associati nella loro collettività questo oggetto, da un valore morale che supera di gran lunga le sue ridotte dimensioni. È con somma gioia, dunque, che la Sezione ha accettato e si propone di contribuire, giorno per giorno, al buon raggiungimento di questo scopo.

In alto, gli associati con Todaro e padre Rugolo assieme al Gogòl;
Nelle altre foto:
Giuseppe Di Gregorio e il Gogòl;
il creatore della mascotte Mauro Todaro;
Padre Giuseppe Rugolo;
Padre Rugolo, Di Gregorio e Todaro insieme al Gogòl;
Di Venti, Gangi, Martorana, Fazzi, Gambacurta e Riccobene col Gogòl.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente