Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Castrocaro Terme il primo Consiglio Centrale del nuovo quadriennio

27/11/2016, 15:00

Riunione plenaria dei vertici dell'AIA al Grand Hotel Terme di Castrocaro con il Consiglio Centrale, massimo organo direttivo avente funzioni consultive e di cui fanno parte tutti i dirigenti di vertice centrale e regionale, per fare il punto sui principali argomenti di attualità tecnica, associativa e amministrativa.
Il Presidente Marcello Nicchi ha aperto i lavori ringraziando tutti per il lavoro svolto sino ad oggi, anche con riferimento all’Assemblea Generale elettiva. “Divertitevi – ha esordito – ora sappiamo dov’è l’AIA e dove va”. Ed ha poi proseguito: “Lavoreremo ogni giorno per fare in modo che ciascuno di voi possa fare il Presidente dell’AIA sul territorio”.
Nicchi ha poi riferito che il Comitato Nazionale ha approvato all'unanimità un documento per chiedere alla governance della FIGC - motivando l'iniziativa non solo con ragioni di opportunità ma soprattutto per la corretta applicazione del combinato disposto delle vigenti norme federali - un'adeguata autonomia amministrativa e gestionale. 
È stato affrontato, ancora una volta, il tema della violenza agli arbitri e lo stato di attuazione delle sanzioni già comminate dai Giudici Sportivi, ai sensi delle disposizioni contenute nel comunicato ufficiale 104/2014 della FIGC. A tale riguardo è stata data comunicazione che le prime risorse economiche derivanti dalle sanzioni elevate nei confronti delle società coinvolte sono state incamerate dalla LND e versate, per il tramite della Federazione, all'AIA su un conto bancario dedicato. Tali risorse, che ammontano già ad alcune centinaia di migliaia di Euro, verranno utilizzate per sopperire a specifiche esigenze che individuerà il Comitato Nazionale. 
Si è preso atto delle risultanze del Corso Arbitri Nazionale che ha prodotto quest'anno 4.787 "aspiranti arbitri", evidenziando ai Presidenti dei CRA presenti al meeting odierno i dati di alcune realtà sezionali, dove si dovrà essere più incisivi, con un reclutamento inferiore alle aspettative e non adeguato alle esigenze dei campionati locali. 
Tra le novità introdotte dal Comitato Nazionale, i CRA avranno l'opportunità di ospitare nei propri raduni tecnici la referente di psicologia dello sport, impegnata da alcuni anni al seguito degli Organi Tecnici Nazionali, per tenere lezioni sulla comunicazione in campo, la gestione della leadership e molto altro ancora.
La prima parte della riunione si è conclusa con l'ampio spazio dato agli interventi di Duccio Baglioni e Luca Gaggero del Settore Tecnico, che hanno interagito con i presenti, ed una chiosa - in materia tecnica - del Vice Presidente dell'AIA Narciso Pisacreta, che si è soffermato in particolare su uno degli episodi. Diversi e interessanti i filmati visionati per illustrare, attraverso una serie di casistiche episodiche, le principali innovazioni introdotte dall'IFAB al regolamento di gioco.
L’incontro è poi proseguito con gli interventi dei Rappresentanti degli Organi Tecnici Nazionali, che hanno tracciato un breve bilancio dell’attività svolta nella prima parte della stagione, e degli ulteriori organi associativi e disciplinari dell’Associazione.
Ai lavori ha partecipato anche il Rappresentante degli Arbitri in attività, Nicola Rizzoli, secondo cui gli “arbitri italiani hanno dimostrato dove si può arrivare con lavoro e professionalità”.
Nel corso del Consiglio Centrale sono stati consegnati gli attestati di benemerenza per i 50 anni di appartenenza all'Associazione, i Premi Nazionali e gli attestati di benemerenza proposti dal Servizio Ispettivo Nazionale.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente