Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno osservatori CAN PRO. Giannoccaro "Un gruppo unito e di alto livello"

Federico Marchi - 25/11/2016, 21:30

"Parliamo la stessa lingua e andiamo tutti, arbitri, assistenti ed osservatori, nella medesima direzione". Così il Commissario Danilo Giannoccaro ha chiuso il raduno degli osservatori della CAN PRO che si è svolto a Coverciano. Un organico importante, composto da 64 osservatori, che ha il delicato compito di visionare arbitri ed assistenti, con finalità di formazione e selezione, contribuendo così alla loro crescita e alla selezione di quelli che nelle prossime Stagioni Sportive calcheranno i campi della Serie B.
Il raduno si è svolto giovedì 24 e venerdì 25 novembre presso il Centro Tecnico Federale. Due giornate intense, durante le quali gli osservatori hanno seguito una serie di riunioni tecniche per analizzare quanto emerso nella prima parte di Campionato.
"Abbiamo organizzato questo raduno - ha detto Giannoccaro - dopo aver già incontrato ad ottobre gli arbitri, sempre qui a Coverciano, e due settimane fa gli assistenti a Tivoli. Prossimamente torneremo a riunirci nuovamente con gli arbitri, perché vogliamo costantemente tenere alta l'attenzione e continuare progressivamente ad esaminare le varie giornate di Campionato".
Durante il pomeriggio sono stati analizzati, sotto il profilo tecnico, tattico e disciplinare, numerosi video relativi alle prime 14 giornate di Campionato e sono state ribadite le direttive valutative. L'esame ha visto gli interventi anche dei Vicecommissari della CAN PRO. Christian Brighi e Roberto Bettin si sono concentrati in particolare sulle competenze dell'arbitro, mentre Renato Faverani e Paolo Calcagno si sono occupati prevalentemente dei compiti degli assistenti e della collaborazione con il direttore di gara. Un momento formativo importante che, come di consueto, ha visto il coinvolgimento diretto degli osservatori, che hanno espresso la loro lettura in merito alle varie situazioni di giuoco proposte.
Nel corso della prima giornata non sono mancati i quiz somministri da Fabio Banconi, componente del Modulo Perfezionamento e Valutazione del Settore Tecnico. In aula è intervenuto anche Duccio Baglioni, Viceresponsabile Centro, per portare un saluto a nome di tutto il Settore Tecnico.
In serata è stato tracciato un bilancio del progetto "Osserviamo il posticipo", che ha visto impegnati nelle scorse settimane gli osservatori nel visionare da casa una medesima partita. Ne è quindi nato un approfondito confronto in aula, durante il quale sono stati ripercorsi i momenti salienti della gara.
La seconda giornata di raduno è iniziata con una riunione specifica dedicata agli assistenti. Attraverso la visione di ulteriori filmati sono stati affrontati gli aspetti legati alla capacità di assegnare le giuste priorità agli eventi, all’adeguamento al livello tecnico dell’arbitro, all’intelligenza tattica nell’adottare il giusto allineamento e nel prevedere lo sviluppo delle azioni. I lavori in aula sono stati chiusi con un confronto tra alcune situazioni di giuoco ed i rapporti degli osservatori sulle relative decisioni tecniche e disciplinari.
Ad occuparsi delle varie incombenze del raduno è stata la segreteria della CAN PRO con Enrico Ciuffa (segretario CAN PRO), Giuseppe Antonaglia (dipendente segreteria) e Marco Ravaglioli (collaboratore CAN PRO).

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente