Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Chiarimento tecnico Calcio a 5

02/03/2016, 21:53

Chiarimento tecnico su ripresa di gioco in occasioni di due infrazioni contemporanee

Nel Regolamento del Giuoco del Calcio a 5 – Edizione 2014 – alla Regola 5 “Gli Arbitri”, nella sezione “Interpretazione delle Regole del Gioco del Calcio a Cinque e Linee Guida per gli Arbitri”, paragrafo “Infrazioni contemporanee” viene previsto tra l’altro:
Infrazioni (contemporanee) commesse da calciatori di entrambe le squadre:
− gli arbitri interrompono il gioco, poiché il vantaggio non può essere applicato, e lo riprendono con una propria rimessa dal punto in cui si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto, a meno che il gioco sia stato interrotto all’interno dell’area di rigore, nel qual caso uno degli arbitri effettuerà la rimessa sulla linea dell’area di rigore, nel punto più vicino a quello in cui si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto
− a seconda delle infrazioni commesse, gli arbitri ammoniscono o espellono i calciatori o non prendono alcun provvedimento disciplinare
− se le infrazioni commesse sono punibili con un calcio di punizione diretto, gli arbitri devono far annotare i relativi falli cumulativi
Nella Guida Pratica della Regola 12, altresì, viene specificato che in caso di due falli contemporanei di diversa gravità tra calciatori avversari, gli arbitri, dopo aver interrotto il gioco, lo dovranno riprendere con una propria rimessa nel punto in cui si trovava il pallone al momento dell’interruzione, assumendo gli eventuali provvedimenti disciplinari, se previsti. Se le infrazioni sono punibili con un calcio di punizione diretto, gli arbitri dovranno annotare i relativi falli cumulativi.

Alla luce di quanto precede, quindi, allorquando dovessero verificarsi due falli contemporanei, di pari gravità o no, il gioco potrà essere ripreso esclusivamente con una rimessa da parte dell’arbitro, anche se una o entrambe le infrazioni commesse fossero punibili con un calcio di punizione diretto. Pertanto, in tale evenienza nessun tiro libero potrà essere accordato sia che ambedue le squadre o solo una di esse si trovino nelle condizioni che il cumulo del fallo sia superiore a 5. Comunque, il fallo o i falli dovranno essere cumulati.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente